domenica 18 giugno 2017

Domenica nera.

Domenica. 
Iniziata piena di speranza, con progetti che purtroppo non so attuare da sola, perché non guido più: andiamo a Bologna, andiamo a salutare la zia e mio figlio, andiamo a pranzo in un bel posto… magari alla Croara.
Il tempo è bello…ecc….
Ma poi tutto è precipitato per una frase che ho detto, che è stata recepita in maniera diversa da quelle che erano le mie intenzioni. O che, forse, ho formulato male.
E la domenica si è trasformata in tristezza, e solitudine.
Non so cosa fare. Non so cosa è giusto….non ho nessuno che mi ascolti e mi consigli.
L'età non aiuta, sto diventando incerta e insicura, basta un nulla a ferirmi.
Oggi, per la prima volta nella mia vita, ho fatto brutti pensieri… quelli che di solito si fanno in adolescenza, e che non voglio nominare.
Non so se ho ragione o torto, non so se va bene che resti o me ne vada, non so….
Questo mi sta regalando la vecchiaia, un senso di incertezza, di non sapere come o cosa fare. Il pensiero di essere poco amata, la paura della solitudine affettiva.
Il cielo è azzurrissimo, ma io vedo solo nuvole nere.
Sera. Sta arrivando la notte, sto meglio… le cose si sono (un po') aggiustate.
Domani è un altro giorno. (Frase originalissima!!)
Buonanotte mondo, buonanotte Mariella. 

Vent'anni

Vent'anni, che meraviglia! Forse… Ieri mia nipote, la mia unica nipote (sono sua nonna non sua zia, ma perché non esiste una parola di...